Elektra

“In un’epoca in cui stiamo accelerando senza sosta, in cui deleghiamo agli hard disk la funzione di memorizzare l’esistenza, in cui scordiamo il più rapidamente possibile per poter far posto a nuove informazioni da poter scordare subito dopo, chi ha ragione: Crisotemide nel volersi sposare, fare dei figli, perpetuare la vita, andare avanti, oppure Elettra nel lottare caparbiamente contro l’oblio?
C’è qualcosa di eroico nell’ostinazione di Elettra a non dimenticare: un coraggio che poteva aver fatto il suo tempo ma che riappare in tutta la sua pertinenza davanti all’oblio programmato dei tempi che ci sono dati da vivere. Elettra si è stabilita davanti al palazzo e con la sua presenza vuole lottare affinché le responsabilità della madre – ma potremmo dire dei padri in generale – non vengano dimenticate.
Non è la stessa ostinazione che troviamo nella generazione di giovani che si accampano nelle piazze, da Madrid a New York, dal Cairo a Parigi?”  (Dalle note di regia di Andrea Novicov)

Credits

Di Hugo von Hofmannsthal
Regia di Andrea Novicov

con (in ordine alfabetico) Igor Horvat, Pia Lanciotti, Roberto Molo, Andrea Novicov, Adele Raes e Anahì Traversi

Scene e luci Roberto Mucchiut e Andrea Novicov
Realizzazione scene Les Ateliers du Colonel (Losanna)
Universo sonoro Roberto Mucchiut
Costumi Laura Pennisi
Assistente alla regia Igor Horvat
Produzione LuganoInScena

Eventi

8-10 dicembre 2016, Teatro Foce Lugano (Ticino, Switzerland)

Torna su